Conoscere per vivere meglio - Blog per l'informazione sulla salute ed il benessere.

rimedi per artrite e artrosi

Pubblicato il 26 Gennaio 2017


I principi attivi naturali e le malattie reumatiche

Negli articoli della categoria "Malattie Reumatiche" si è già trattato ampiamente di artrosi ed artrite, patologie diffuse sia tra la popolazione anziana che tra i giovani, in cui è sempre presente la componente infiammatoria che provoca dolore, gonfiore e spesso infermità; questi sintomi vengono trattati con farmaci antidolorifici ed antinfiammatori molto efficaci ma che per loro natura possono provocare danni anche gravi allo stomaco. Per evitare questi effetti collaterali o comunque per ridurli, si può ricorrere ai principi attivi naturali, sia fitoterapici che omeopatici.

I principali farmaci naturali contro il dolore sono noti da tempo; tra questi ricordiamo:

Artiglio del diavolo

L'Artiglio del diavolo viene usato come estratto secco da pianta intera (fitocomplesso) ha una potente azione antinfiammatoria che, accompagnata dalla stimolazione del sistema linfatico, determina riduzione del dolore. Gli effetti benefici della terapia si manifestano dopo 7/8 giorni e raggiungono il massimo dopo un mese. E' controindicato nelle infiammazioni gastrointestinali, nelle ulcere peptiche e nelle calcolosi.

Arnica montana

L'arnica montana è una pianta le cui azioni antinfiammatoria, antireumatica ed antidolorifica vengono sfruttate nel trattamento del dolore da traumi (cadute, botte, esercizio fisico intenso) e nell'indolenzimento muscolare. Quest'ultimo può essere conseguente a forme artrosiche, per cui Arnica è un ottimo rimedio per facilitare la ripresa della funzionalità dopo il risveglio. Molto usata come pomata per uso locale, è particolarmente efficace assunta in granuli omeopatici alla diluizione 9CH o 15CH nelle forme acute e alla 30CH nelle algie croniche.

Rhus toxicodendron

Il Rhus toxicodendron somministrato alla diluizione 9CH, è un rimedio specifico per i dolori reumatici aggravati dall'immobilità e dall'umidità e per le sciatalgie poiché riduce l'infiammazione dei tessuti che costituiscono i legamenti ed i tendini.

Ribes nigrum

Il Ribes nigrum o Ribes nero, con la sua potente azione cortisonosimile, ha un buon effetto antinfiammatorio nelle affezioni reumatiche acute e croniche; si usa il MG (macerato glicerico) estratto dalle gemme della pianta.

Boswellia serrata

La Boswellia serrata è una pianta molto attuale le cui proprietà antinfiammatorie ed antidolorifiche sono ampiamente dimostrate; come estratto secco viene utilizzata nelle affezioni infiammatorie dell'apparato locomotore poiché riduce il dolore e l'edema, migliorando la funzionalità e l'irrorazione della zona affetta. Recenti studi portano a supporre che la Boswellia sia in grado di promuovere la maturazione o di rallentare la distruzione del collagene, sostanza fondamentale per le cartilagini articolari.

Glucosamina e Condroitina

La Glucosamina e la Condroitina sono considerate "materiali da costruzione"; queste molecole, usate preferibilmente in associazione, aiutano a ricostruire la cartilagine articolare con riduzione del dolore e del gonfiore.

Il loro effetto antinfiammatorio si manifesta più lentamente rispetto agli antinfiammatori classici (FANS) ma diventa più consistente dopo circa un mese di trattamento, con una bassa incidenza di effetti collaterali.

fonte: farmarca


Potrebbe interessarti anche:

distinzione tra i reumatismi
dolore ai gomiti
dolore alle ginocchia
dolori alle mani