Conoscere per vivere meglio - Blog per l'informazione sulla salute ed il benessere.

la salute si vede dalle unghie

Pubblicato il 11 Gennaio 2017


Le unghie possono essere le spie di gravi malattie

Proteggono e sono oggetto di culto soprattutto nelle donne, ma possono essere anche le spie di gravi patologie. Le unghie non devono essere sottoposte ad interventi estetici stressanti perché sono una parte viva del corpo che soffre e che come i capelli, in autunno tende a rigenerarsi. Il fastidioso fungo che le fa inspessire e cadere: con pazienza e costanza si può curare a casa. 

lo specchio della salute

Le unghie sono infatti un importante indicatore del nostro corpo. Anche la loro forma è importante tanto che quella molto arrotondata (quasi sferica) può essere un segnale di malattie dell'apparato respiratorio, del fegato e dell'intestino. Normalmente le unghie forniscono indizi di carenze di alcune vitamine (A, B6, E) o sali minerali (ferro, zinco, selenio, rame) poiché sono queste le sostanze importanti nella costituzione delle unghie. L'unghia è formata da 4 strati epiteliali e da uno strato corneo (lamina ungueale). La lamina ungueale è costituita da cellule cheratinizzate (corneociti) ed è prodotta dalla matrice ungueale situata alla base dell'unghia. In alcune dita delle mani in prossimità della matrice è visibile un'area semilunale di colorito bianco, la lunula. La lamina ungueale è per sua caratteristica, dura, elastica, flessibile e resistente.

Queste proprietà sono conseguenza delle caratteristiche anatomiche dei diversi strati di corneociti che la costituiscono. La durezza e la resistenza della lamina ungueale sono correlate al suo contenuto in cheratine dure e amminoacidi solforati.

  • Una carenza di cistina può determinare fragilità dell'unghia, che contiene tracce di molti oligo elementi, i più rappresentati sono ferro e zinco.
  • Una carenza di ferro può determinare un assottigliamento e una fragilità di lamina. Non esiste invece relazione fra proprietà meccaniche della lamina e il calcio.

La lamina ungueale è molto porosa e il suo contenuto di acqua varia con grande facilità. In condizioni normali contiene il 18% di acqua, un contenuto superiore al 25% rende la lamina tenera e flessibile, mentre un contenuto inferiore al 16% la rende friabile.

L'unghia ha una crescita lenta e continua, la cui velocità risulta maggiore nelle mani rispetto ai piedi. La velocità di crescita delle mani è circa 1/3 di quella dei capelli (0,35 mm/die, ovvero al giorno). La velocità di crescita dell'unghia diminuisce sensibilmente nelle persone anziane e può essere ridotta o aumentata in diverse patologie.

patologie

Le patologie più frequenti dell'unghia sono le micosi: infezioni ascrivibili per lo più a funghi filamentosi, talvolta a lieviti e muffe. L'estremità dell'unghia malata appare biancastra, giallastra o nera. Può diventare spessa e staccarsi dal suo letto. A volte si avverte prurito attorno all'unghia. Le micosi si contraggono in ambienti umidi come palestre e piscine. Le persone più soggette all' onicomicosi sono gli anziani, i diabetici e coloro che presentano un indebolimento del sistema immunitario. Oltre ad essere causa di distruzione della superficie dell'unghia, quest'infezione può estendersi alle altre unghie. Le micosi in oggetto sono comunque da trattare con antimicotici topici (miconazolo, tioconazolo) ed è consigliabile tagliare e limare il più possibile la parte di unghia attaccata dal fungo, cercando di asportare la formazione bianca che si forma sotto l'unghia. Se è possibile utilizzare calzini di cotone, lavandoli poi ad alte temperature.

In età avanzata è fisiologico che la lamina ungueale presenti un aumento dei rilievi e dei solchi longitudinali che le conferiscono un aspetto striato. I solchi trasversali o LINEE di BEAU sono un'espressione della sofferenza della matrice. Depressioni ungueali e solchi trasversali sono la conseguenza di ripetuti traumi sull'unghia e sulla matrice.

Piccole macchie bianche presenti singolarmente o in gran numero, possono essere di origine congenita o derivanti da pressioni.

prevenzione

Per mantenere in buona salute le unghie bisogna assumere alimenti che contengono proteine solforate (la pelle del pollo arrostito, crostacei) zolfo (contenuto nella cipolla, aglio) zinco (germe di grano, riso integrale, cereali in genere, latticini, legumi). Eventualmente si possono utilizzare anche integratori che contengono questi elementi.

Lo smalto ha una funzione protettiva dagli agenti esterni, ma è bene periodicamente lasciarle al naturale, ciò vale anche per le ricostruzioni.

Altri consigli sono limitare il consumo di sigarette e indossare sempre i guanti caldi in inverno.

cura

Le micosi sono difficili da curare e spesso per risolverle occorrono settimane o mesi di trattamento. Quando le micosi ungueali hanno una estensione limitata, in genere una sola unghia, si può ricorrere alla terapia topica con preparazioni specifiche, in smalto, che si applica mediante spennellature direttamente sull'unghia malata. Si consiglia, come già detto, di indossare calzini di cotone, cospargere il piede e l'interno delle scarpe con una polvere antimicotica. Se continuando la terapia per uso topico in modo corretto non si dovesse risolvere il problema entro qualche mese, è consigliabile rivolgersi al medico per valutare la possibilità di intraprendere un trattamento antimicotico per bocca.  


Potrebbe interessarti anche:

psoriasi
salute ed igiene del piede