Conoscere per vivere meglio - Blog per l'informazione sulla salute ed il benessere.

epatite

Pubblicato il 2 Dicembre 2016


Sintomi dell'epatite

I sintomi dell’epatite, al di là di quale tipo di virus sia in causa, sono simili: essi compaiono dopo un periodo variabile di giorni dal contatto con il virus e sono sintomi che interessano tutto il corpo e sono piuttosto variabili: c’è sempre un calo dell’appetito, nausea, talora alla nausea si associano alterazioni dell’olfatto e del gusto, talora compare il vomito, costantemente è presente la stanchezza; possono essere presenti:

  • dolori ai muscoli;
  • dolori alle articolazionie;
  • mal di testa.

La febbre con temperatura che può arrivare anche ai 38/39°C è più frequente nella epatite A ed E piuttosto che nelle epatiti da virus B o C, che sono le forme più frequenti alle nostre latitudini.

La febbre è anche presente nella epatite da virus della mononucleosi. Da 1 a 5 giorni prima che compaia la colorazione gialla della pelle e delle congiuntive degli occhi (ittero) possono aversi le feci scolorate (color del cemento) e le urine molto cariche di colore Quando compare l’ittero può cominciare ad aversi calo di peso, dolore al fegato, al fianco destro, subito sotto le coste.

sintomi

Sintomi delle epatiti croniche L’esordio presenta dei sintomi insidiosi, non decisi; il sintomo più comune è la stanchezza, l’ittero è un segno che compare nei casi gravi o avanzati.

Se l’epatite cronica peggiora si arriva alla cirrosi, allora possono comparire edemi declivi (le gambe si gonfiano perché trattengono liquidi a livello dei piedi e delle caviglie), compare ascite (liquido libero in addome) possono aversi sanguinamenti dall’esofago o dallo stomaco ove si formano delle varici che si possono rompere; possono aversi disturbi mentali e comportamentali per l’accumulo di ammonio nel sangue che il fegato cirrotico non riesce a smaltire.

Sintomi delle malattie metaboliche del fegato Anche per queste affezioni i sintomi sono spesso variabili, talora completamente assenti; quando presenti si può avere un calo dell’appetito, nausea, raramente compare il vomito, costantemente è presente la stanchezza, possono essere presenti dolori diffusi e mal di testa.

Il colore della pelle tende a essere, soprattutto nell’emocromatosi in stadio avanzato, scuro, quasi verdastro.

  • Sintomi delle neoplasie benigne del fegato Non danno di solito nessuna sintomatologia, quando compaiono dei sintomi, questi sono caratterizzati da dolore al fianco destro, presenza di una massa palpabile a carico del fegato e talora segni e sintomi di emorragia acuta se all’interno del tumore si verifica un fatto emorragico.
  • Sintomi delle neoplasie maligne del fegato Anche in questo caso spesso non si hanno sintomi specifici; nei tumori metastatici spesso i sintomi sono solo quelli che originano dal tumore primitivo.

Quando compaiono sintomi a partenza dal fegato possono essere caratterizzati da

  • dolore al fianco destro;
  • stanchezza;
  • perdita di peso;
  • calo dell’appetito;
  • febbre;
  • sudorazione.

In casi avanzati possono comparire disturbi dovuti all’ingrandimento del fegato o alla presenza di liquido libero nella cavità dell’addome (ascite).

Esami da eseguire in caso di malattie di fegato Gli esami di laboratorio che è consigliabile eseguire in caso si sospetti una malattia di fegato sono fondamentalmente:

  • le transaminasi (AST-ALT);
  • la lattico deidrogenasi;
  • la fosfatasi alcalina.

sono queste delle sostanze che sono presenti dentro le cellule del fegato e che in caso di malattia di quest’organo vengono, in quantità notevole, immesse dalle cellule stesse nel sangue.

Altri esami che indagano la funzione del fegato sono il dosaggio nel sangue della:

  • bilirubina;
  • della colinesterasi;
  • la alfa feto proteina.

quest’ultimo considerato, quando raggiunge valori elevati, un marker di malattia tumorale del fegato per i tumori primitivi.

Esami che siano orientati a mostrare un’immagine del fegato sono poi la ecografia, la TAC (tomografia assiale computerizzata) e da ultimo la Risonanza magnetica.  

fonte: farmarca


Potrebbe interessarti anche:

i messaggi della pelle
la cirrosi epatica
Articoli in: "Fegato"