Conoscere per vivere meglio - Blog per l'informazione sulla salute ed il benessere.

dolori alle mani

Pubblicato il 12 Gennaio 2017


Le mani possono essere la sede di svariati processi patologici

Le mani sono strutture anatomiche e funzionali assai complesse, i cui movimenti dipendono dall'integrità delle numerose articolazioni che le caratterizzano, dal gioco dei molti tendini mossi da un elevato numero di muscoli, dall'efficienza dell'innervazione e infine da un adeguato ricambio dei nutrienti e dei prodotti di scarto sostenuto da una complessa rete di vasi arteriosi, venosi e linfatici. In breve spazio è impossibile dare conto di tale complessità, ma basterà ricordare alcuni dati per fornirne un'idea, tale da chiedersi come in fondo le mani soffrano meno di quanto le loro innumerevoli componenti non farebbero temere.

Incominciamo dal numero delle ossa: ogni mano ne conta 27 più 2 se si comprendono le estremità delle ossa dell'avambraccio con le quali costituiscono l'articolazione del polso. Quanto alle articolazioni fra le varie ossa, basterà dire che le dita ne contano tre ciascuna (tranne il pollice che ne ha solo due) e quindi complessivamente 14 e che ogni articolazione delle dita è rafforzata da 2 legamenti e quindi in totale 28, oltre a 15 tendini sui quali si inseriscono altrettanti capi muscolari che provvedono ai loro movimenti di flessione e di estensione. Quanto ai muscoli della mano, non tentiamo di contarli tutti: soltanto quelli propri del pollice sono 4 e 4 quelli propri del mignolo; inoltre ci sono 7 muscoli situati fra un osso e l'altro della mano (muscoli interossei) deputati ad avvicinare le dita fra loro. Tendini e muscoli sono poi rafforzarti nella loro unione, oltre che dai molti legamenti, da fasce di tessuto fibroso che formano arcate e canali protettivi rispetto a tendini, vasi e nervi che raggiungono i vari distretti della mano.

Questo complesso di strutture anatomiche conferisce alla mano sia una particolare robustezza sia la caratteristica agilità che sostengono attività così diverse come la forte presa di uno scalatore e la raffinata modulazione dei movimenti di un pianista.

cause del dolore alle mani

Tutta questa premessa sulla complessità anatomica e funzionale della mano è sembrata utile per comprendere come le manifestazioni dolorose in tale sede possano essere la conseguenza di un numero piuttosto elevato di processi patologici, venendo facilmente coinvolta in eventi traumatici, degenerativi, infiammatori e neurologici.

Sarebbe troppo lungo enumerare tutte le condizioni morbose che possono determinare una sintomatologia dolorosa alle mani e ai polsi. Basterà ricordare che la mano, anzi, le mani, sono la sede più frequente di processi artrosici, mentre il coinvolgimento del polso è un evento abbastanza raro ed è spesso conseguenza di fatti traumatici o infiammatori facilmente identificabili, l'artrosi primaria con localizzazione alle mani è la più tipica manifestazione di questa malattia, soprattutto a livello delle articolazioni delle ultime falangi.

Questa forma di artrosi è più frequente nelle donne di mezza età, ha una certa familiarità, ma soprattutto vi è un chiaro rapporto con impegnative attività manuali e microtraumatismi. Spesso i primi disturbi insorgono nel periodo della menopausa sotto forma di dolori vaghi alle dita, intorpidimento e rigidità dopo immobilizzazione.

Le articolazioni della mano costituiscono anche la più frequente sede di inizio dell'artrite reumatoide. Rispetto all'artrosi, nell'artrite reumatoide l'interessamento delle mani è bilaterale (tutte e due le mani) e simmetrico (stesse articolazioni colpite), la dolorabilità è maggiore, l'impotenza funzionale e la rigidità mattutina più rilevanti.

Oltre alle malattie che interessano le ossa della mano e le loro articolazioni, come nell'artrosi e nell'artrite reumatoide, manifestazioni dolorose in questa sede possono insorgere per processi patologici che colpiscono le parti molli, come accade nelle infiammazioni dei tendini e delle guaine tendinee (tenosinoviti) del polso e della mano. Talvolta nelle tenosinoviti si produce un ispessimento delle pareti delle guaine all'interno delle quali passano i tendini determinando un restringimento che rende difficile il loro scorrimento, provocando inceppamenti nei movimenti delle dita (classico il caso del cosiddetto "dito a scatto").

Inoltre si può ricordare che con una certa frequenza si possono avere manifestazioni dolorose al polso e/o alle mani dovute a compressione dei nervi spesso intrappolati in tunnel, costituiti da fasce legamentose ispessite, di solito a seguito di infiammazioni. Infine, polsi e mani possono soffrire per danni che si verificano in parti del corpo anche lontane (dolori riflessi), oppure per disturbi della circolazione locale.

cure del dolore alle mani

Vale la pena di ricordare che la maggior parte delle manifestazioni dolorose dei polsi e delle mani hanno spesso un percorso lento e quindi lasciano il tempo di fare tutte le indagini cliniche, di laboratorio e strumentali utili a pervenire a una diagnosi corretta circa le cause e quindi a impostare cure mirate ad eliminare le cause dei disturbi.

  • Quando i dolori sono dovuti ad infezioni, queste possono essere risolte mediante farmaci antibiotici.
  • Nei casi di processi degenerativi, come quelli artrosici, utili sono i farmaci analgesici, antinfiammatori ed eventuali infiltrazioni. In questi casi, più che terapie fisiche, possono risultare molto utili programmi di mobilizzazione attiva e passiva delle piccole articolazioni al fine di ostacolare l'insorgenza di rigidità articolari.
  • Nelle tenosinoviti da iperlavoro o da traumatismi, il ricorso ai farmaci deve essere associato al riposo.
  • Nelle sindromi da intrappolamento, se le terapie farmacologiche non danno risultati soddisfacenti, si può ricorrere allo sbrigliamento chirurgico.
  • Naturalmente, se le manifestazioni dolorose sono la conseguenza di malattie sistemiche, come può essere il caso dell'artrite reumatoide, è necessario curare la malattia di base, senza tuttavia trascurare provvedimenti terapeutici locali sia per contenere le sofferenze sia, quando è il caso, per prevenire o rallentare le deformazioni articolari.

fonte: unifarm


Potrebbe interessarti anche:

artrosi
la salute si vede dalle unghie
tendiniti, tenosiviti e borsiti