Conoscere per vivere meglio - Blog per l'informazione sulla salute ed il benessere.

dare un po di energia

Pubblicato il 18 Maggio 2016


Per dare energia si possono assumere vitamine e sostanze adattogene

Con l'arrivo della stagione calda e quando ci si sente stanchi e spossati il consiglio che spesso viene dato per dare un po' di carica all'organismo è quello di assumere elementi, vitamine e sostanze adattogene dotate della capacità di rinvigorire; ma perché, quali sono e come agiscono?

Gli elementi ai quali più frequentemente ci si riferisce sono:

  • magnesio;
  • potassio.

Si trovano in commercio sotto forma di sali in quanto in questa forma sono biodisponibili e il nostro organismo è in grado di assimilarli senza difficoltà. Sono di grandissima importanza perché prendono parte a molti processi biologici essenziali come la produzione di energia a livello cellulare (stimolando la produzione di ATP, essenziale riserva di energia per la cellula), la sintesi di acidi nucleici e di proteine, la contrattilità muscolare (inclusa la contrattilità cardiaca). Molti studi hanno dimostrato che una regolare supplementazione di Potassio per esempio, migliora le prestazioni sportive degli atleti che presentano carenza di tale elemento. 

Una loro carenza comunque, può portare a sintomi quali spossatezza, debolezza generale e stanchezza muscolare con tendenza ai crampi. L'azione di questi elementi è coadiuvata e supportata dalla integrazione di vitamine del gruppo B (in particolar modo B1, B2, B6, B12, PP –Vit. B3-) che intervengono direttamente o come coenzimi regolatori del metabolismo di proteine, carboidrati e lipidi.

Nello specifico inoltre la B1 prende parte nella conduzione degli impulsi nervosi e nel metabolismo aerobio; la B2 svolge un ruolo chiave nell'apporto di ossigeno alle cellule; la B6 interviene nella produzione di neurotrasmettitori, oltre che nel metabolismo di glucidi, protidi e lipidi; la B12 è importante per la formazione delle cellule ematiche, delle guaine nervose e di varie proteine ed è essenziale considerare che questa vitamina non è prodotta dall'organismo, è quindi indispensabile introdurla con la dieta o attraverso l'utilizzo di integratori alimentari; la PP (Niacina o vitamina B3), introdotta nelle dieta sotto forma di coenzimi NAD e NADH, partecipa alla sintesi di acidi grassi e aminoacidi.

Anche altre sostanze possono coadiuvare ed integrare l'azione del magnesio, del potassio e delle vitamine e sono utili anche e soprattutto per gli atleti. La L-Carnitina ad esempio è utile nella produzione di energia a partire dai lipidi favorendo il trasporto degli acidi grassi dal citoplasma ai mitocondri responsabili della produzione di energia nella cellula. Anche la Taurina è una sostanza che regola la contrattilità muscolare ed è utile per incrementare la performance cardiaca durante l'esercizio fisico. Per gli atleti è consigliato inoltre l'utilizzo di Creatina che è una sostanza che nell'organismo viene trasformata in fosfocreatina utile per ottenere energia di utilizzo immediato.

C'è infine il Guaranà, con azione tonica e lipolitica utile per tonificare l'organismo, che aumenta il rendimento fisico ed esercita un effetto antifatica. Associare l'utilizzo di sostanze naturali che contengano vitamine antiossidanti, che abbiano azione reidratante e rimineralizzante come la polpa del frutto di Baobab può avere effetti migliori che assumere solo soluzione salina reidratante.


Potrebbe interessarti anche:

caduta dei capelli e integratori alimentari
combattere la ritenzione idrica
dieta depurativa
gli integratori per gli occhi
insonnia stagionale
la tiroide
prevenire e curare il dolore naturalmente
Articoli in: "Malattie stagionali"